Cancellato Pianeta Dimenticato dal palinsesto Rai!

15 05 2008

ripostiamo questo importante articoletto apparso ieri su GiornalismoPartecipativo, condividendone appieno lo spirito…

Antonio Caprarica dimentica il pianeta. Cancellato il Sud del mondo dal palinsesto di Radio1 RAI

<!–[if gte vml 1]&gt; &lt;![endif]–><!–[if !vml]–>pianetadimenticato<!–[endif]–>E’ il nuovo che avanza, ma forse non è colpa di Silvio Berlusconi. Dal palinsesto RAI del prossimo autunno sparisce l’unica trasmissione che si occupa del Sud del mondo, “Pianeta dimenticato”, Africa, Asia e America latina, che va in onda nell’ora di massimo ascolto, alle 8.40 del mattino su Radio1 RAI.

di Gennaro Carotenuto

Lo dice quasi di passaggio un’agenzia AGI, nella quale una corrente di centrodestra dell’Usigrai, il sindacato aziendale, “Usigrai l’alternativa”, denuncia l’occupazione da parte del direttore Antonio Caprarica e del suo nuovo braccio destro, Giovanni de Rosas, della pregiatissima mezz’ora di palinsesto che va dalle 8.30 alle 9 di mattina.

E’ apparentemente dura per Caprarica, direttore in quota centrosinistra, sopravvivere nella nuova RAI che sta per cambiare colore e tutti gli organigrammi. Ma si può fare, si può fare garantendo un’informazione sempre più soft, piena di pezzi di colore sulla casa reale britannica e compleanni della regina madre che oscurino il più possibile le notizie scomode, quelle sul neoliberalismo che nel Sud del mondo causa ovunque sia stato applicato fame, morte e distruzione e quelle sul Sud del mondo che alza la testa, disegnando un proprio futuro autonomo.

Oppure si può salvare la poltrona mettendo sul piatto una bella rassegna stampa, rigidamente controllata (vogliamo chiamarla di regime?), proprio nella fascia oraria più pregiata, subito dopo il GR delle 8, quello più ascoltato. E non importa se una rassegna stampa è già doppione di due rassegne stampa alla radio in contemporanea, quella di GR Parlamento e quella storica di Radio3, Prima Pagina. Evidentemente serve una terza rassegna stampa proprio a quell’ora e sulla rete più importante e questa terza rassegna stampa deve oscurare l’unico programma sul Sud del mondo dell’intero palinsesto. E del resto giocano, al giornale radio, coi loro sette o otto vicedirettori. Sette o otto generali carichi di stellette, dei quali almeno cinque in quota centrosinistra, che qualcosa devono pur fare per campare.

E allora chi non è interessante negli aggiustamenti di potere interni al GR è il Sud del mondo, rappresentato da “Pianeta dimenticato”. Come nel mondo reale, fuori dei giochi lottizzatori di Saxa Rubra, il Sud può essere sacrificato, clandestinizzato, così gli si può passare sopra, rinchiuderlo in un CPT dell’etere e potrà continuare a gridare, ma nel silenzio.


Azioni

Information

4 responses

15 05 2008
«Tutti negli Usa», Uribe estrada i capi narco-paras

Dal Manifesto

Colombia, mossa a sorpresa (e disperata) del presidente che impacchetta e spedisce negli Stati uniti 14 capi paramilitari. Tra cui il boss Salvatore Mancuso, le cui rivelazioni gli avevano fatto il vuoto intorno. L’urlo dall’aereo: figli di puttana!

«Figli di puttana, ci hanno tradito!». L’urlo soffocato di Rodrigo Tovar Pupo, alias Jorge 40, sulla pista dell’aeroporto militare di Bogotà, qualche secondo prima di essere spinto sull’aereo della Dea, è il miglior commento all’estradizione del gotha del narco-paramilitarismo negli Stati Uniti. Tutti i grandi criminali colombiani, nessuno escluso, sono stati svegliati nel cuore della notte tra lunedì e martedì nelle loro celle dorate (a Itaguí, Barranquilla e nel carcere «La Picota» della capitale), prelevati da centinaia di militari e consegnati agli agenti statunitensi: oltre a Jorge 40 sono stati estradati l’italo-colombiano Salvatore Mancuso, Diego Fernando Murillo detto don Berna (erede di Escobar a Medellín), il boss della Costa Atlantica Hernán Giraldo e altri tredici boss.
Perché Alvaro Uribe ha deciso di mandare a marcire forse per tutta la vita in un carcere negli Usa Salvatore Mancuso, suo vicino di fattoria, suo grande elettore, l’esecutore più feroce ed efficace della guerra sporca che ha riempito i cimiteri e le fosse comuni della Colombia e che fu ricevuto come un eroe, nel Luglio 2003, in parlamento? Le spiegazioni date da Uribe nel discorso teletrasmesso ieri alle 19 (ora italiana) sono, in sintesi, che i boss «stavano continuando i loro traffici di droga e i loro crimini», «non consegnavano, come avrebbero dovuto, i beni per indennizzare le vittime» e dulcis in fundo «non raccontavano la verità, come previsto dalla ley de justicia y paz, ma lo facevano solo col contagocce e superficialmente». Di primo acchito sembrerebbe che Uribe abbia fatto proprie le accuse che i difensori dei diritti umani (inascoltati, derisi e minacciati) facevano da anni. Ma è vera conversione? In realtà (e qui si capisce l’insulto gridato da Jorge 40), Uribe li spedisce negli Usa non perché non stessero confessando ma al contrario perché, anche se parzialmente, hanno parlato. Tirando in ballo i loro «rispettabili» mandanti che fino a pochi mesi fa occupavano (e molti lo fanno ancora) scranni parlamentari, sedi diplomatiche, posti di comando nell’esercito e nella polizia, poltrone nei consigli d’amministrazione d’imprese colombiane e di multinazionali estere. Una storia tra figli di puttana, dunque: Uribe ha promesso molto più di quello che è riuscito a mantenere ai suoi soci, questi – furibondi, ma anche presuntuosi – hanno tirato troppo la corda, e la corda alla fine si è spezzata trasformandosi nelle catene ai polsi e al collo con le quali i 14 boss hanno salutato forse per sempre la Colombia, ancora non completamente «libera dal comunismo». L’obiettivo di Uribe è chiaro: chiudere la bocca ai sicari per bloccare, tra l’altro, lo scandalo della cosiddetta «para-politica» che (con una settantina di senatori in galera o sul punto di andarci) ha fatto il vuoto intorno a lui. Ad essere colpiti per ora sono stati i presunti «intoccabili», perché sia di monito agli altri, «i pesci più piccoli»: tra delinquenti l’omertà è legge.
Ovviamente la sorprendente mossa di Uribe è stata concordata a Washington: i giudici statunitensi giudicheranno Mancuso e soci soltanto per i delitti legati al narcotraffico. Se indagassero sui loro innumerevoli crimini di lesa umanità troverebbero finanziatori e complici anche in casa loro, tra gli strateghi della guerra di bassa intensità portata avanti allo stesso modo in America Latina da presidenti democratici e repubblicani. Consegnando loro i boss e i loro segreti, Alvaro Uribe si affida totalmente nelle mani degli Usa, sperando di non essere scaricato a sua volta. Di carte da giocare ormai ne ha poche. L’asso calato in questi giorni è la concessione del deserto della Guajira per costruire la base militare statunitense che dovrebbe sostituire quella di Manta, che il presidente dell’Ecuador Rafael Correa sembra determinato a chiudere. Quindi, ai confini col Venezuela di Hugo Chávez, rispetto al quale Palacio Nariño e Casa Bianca stanno cucinando un dossier di accuse basato sui file di quella specie di lampada di Aladino in cui si è trasformato il computer del leader delle Farc, Raúl Reyes, ucciso da un bombardamento mirato il primo marzo scorso. Quello che ha tutto il sapore di una macchinazione simile alla passata campagna sulle armi di distruzioni di massa di Saddam Hussein (a cui partecipano solerti i giornali colombiani e, da protagonista, il quotidiano spagnolo El Pais) serve agli Usa per tenere sotto pressione il governo bolivariano e alla Colombia per nascondere gli scandali interni. Una cortina fumogena, insomma, più spessa di quelle usate in passato.
Mentre ai tempi di Pablo Escobar i narcos erano estradati negli Usa per la debolezza e l’inefficienza della giustizia colombiana, adesso Uribe li spedisce esattamente per il contrario, cioè perché alcuni suoi organismi, come la Corte Suprema, sembrano voler andar fino in fondo nell’indagare gli scandali del regime. «Ci affidiamo alla cooperazione con gli Stati uniti affinchè i processi in corso continuino al fine di garantire alle vittime giustizia, verità e riparazione», ha dichiarato senza troppa convinzione il presidente della Corte Suprema Francisco Ricaurte. Nonostante la soddisfazione di vedere nei video trasmessi dai tg nazionali i principali macellai colombiani, finalmente avviliti, le loro vittime ritengono che verità e giustizia siano ancora più lontane. «Le rassicurazioni fatte in queste ore non valgono niente. Per le vittime e i loro familiari, partecipare ai processi era già difficile prima. Adesso sarà impossibile», ha detto Eduardo Carreño, il più famoso avvocato del Collettivo giuridico Alvear Restrepo. A preoccupare Carreño e tutti i difensori dei diritti umani c’è anche dell’altro: da ieri in Colombia tutti si aspettano la vendetta dei paramilitari per queste estradizioni. Le vittime saranno quelle di sempre. Così come i mandanti e i sicari, sebbene si firmeranno con la sigla di moda delle «Aguilas negras».

15 05 2008
daniel

MA non è possibile fare qualche iniziativa di protesta nei confronti della Rai ?

21 05 2008
diariocolombia

Temo che in assenza di una mobilitazione più generale sul tema della profonda ristrutturazione che investirà (lo sta già facendo oggi) l’intera Rai…il tutto si ridurrebbe ad una lotta di pura testimonianza.

In tema di comunicazione, nel triste panorama italiano, la costruzione di strumenti come questo, sono la nostra protesta quotidiana, il nostro boicottaggio della non-informazione, la nostra proposta di autogestione dell’informazione…

11 01 2009
International Network

Buon anno. Sentiamo che il 2009, da diversi punti di vista, potrebbe diventare il primo anno di un determinato periodo di qualcosa simile a una riscossa ( che pero’, pensiamo partira’, di certo lenta e contrastatissima). Il mondo non sara’ piu’, tra qualche settimana, nelle mani di un pericoloso e insano “nazifascismoderno” quale di stra certo e’ stato Bush junior ( junior da ogni punto di vista). Che e’ addirittura riuscito nell’impresa di essere un Presidente degli States, peggiore di Nixon: il peggiore di tutta la storia degli Stati Uniti d’America. Stati Uniti che han sofferto si, un quasi da non credere, 9.11, ma che a fronte di quel ingiustissimo, quasi extraterrestre, evento, han torturato, nazimaccartistato ( chiunque criticasse, anche solo “tra amici”, young Bush, little Bush, Bushino, finiva in liste del Fbi e della Cia, come, addirittura, presunto terrorista; manco quella specie di animale assatanato nazifascistissimo che era J Edgar Hoover arrivo’ a tanto), sequestrato, irriso, complottato, denigrato, danneggiato, “suicidato”, ucciso centinaia di migliaia di bimbi e anziani, portato quasi tutto il pianeta Terra sul ciglio della bancarotta. Il, per me promettente Obama Barack Hussein, sta’ per arrivare e infatti i mercati, da quando egli e’ stato eletto, han smesso di scendere, e ora, stan inziando, a salire, pur se, come prima citato, tra mille contrasti. Il tutto profetizzato, diciamolo pure, per l’ennesima volta, praticamente alla perfezione, da una persona che ammiriamo sempre piu’: il mai rassegnato alla deriva mafascista dei Berluscones, anzi, dei Berlusxuxluxklones, in Italia, l’eroe anti nazifasciondranghetari Berlusconiani, Michele “Michael” Nista. Un qualcuno con un intuito, una capacita’ di visione, uno Spirito, a volte, quasi soprannaturale. Che ha anticipato il grande crollo di Wall Street, indicando il suo, livello di ( piu’ o meno), atteraggio, ossia “8000”, 17 mesi prima che esso si verificasse. Nell’agosto 2007, mentre il Dow Jones valeva quasi 14.000. Scrivendone e firmando cio’ sul web ( un po’ come prevedere che il Pupuputupu di Rekiavik possa battere 22 a zero l’ottima Juventus attuale, azzeccando in pieno, tutto cio’)!! Che alla perfezione ha indicato il timing del momentaneo seguente rialzo di Wall Street stessa ( il 10.10.08), la fase statica poi a seguire, e l’inizio del rialzo attuale. Un antiBerluscones, anzi, un anti Berlusxuxluxklones, al calor bianco. Che, non per niente, Marco Mancini, Gaetano Saya, Riccardo Sindoca, Giuliano Tavaroli, Emanuele Cipriani, Pio Pompa, e Pio Pompina.i. di contorno varii del Unfp,.quasi fecero uccidere, nel 2003, su ordine di Silvio Berlusconi e Giuliano “Giulianazi” Ferrara. Cio’ ovviamente, essendo che questa gang di Arco..r..leone, da decenni, strateme questo eroe anti nazifasciocamorristi Berluscones stessi. Gesu’ il Nazareno, ossia il tantissimo odiato da massoni e ebrei di tipo sanguinario vario ( probabilmente come quelli che si stan divertendo a spappolare, a sminuzzare, neonati e bimbi, ora, a Gaza: 280 infanti in soli pochi giorini, vergogna assoluta!!;; e che sia chiaro, allo stesso livello pongo anche gli animali di Hamas, che, via razzi, cercan di far lo stesso con i bimbi ebrei; Israele cedette, regalo’ i terreni di Gaza ai palestinesi, perche’ ci potessero vivere civilmente, e non per fare tunnel e bombardare: vergogna, vergogna totale, per tutti!!; sia alla feroce, spietata, direi, insensibilissima, Zivni, come agli animaleschi di Hamas; e non cercate di darmi ora del antisemita, son da sempre antifascista, specie per quello che fu l’Olocausto, ma gli Ebrei, a volte, sono crudelissimi, quasi disumani, spietati e quando qs accade, va’ detto; il Pianeta Terra non e’ di loro proprieta’ ma e’ di tutti noi, Cristiani compresi; e lo e’ tanto meno delle bestie di Hamas, che sparano razzi contro bimbi israeliani, o delle altre bestie di Al Qaeda, cha demoniacamente, altro che Corano, amano ammazzare centinaia, se non migliaia, di persona alla volta), non per niente, gia’ 2008 anni fa, parlava di “mai profeta in patria” . Michele “Michael” Nista, come ormai, quasi tutti i migliori e schietti giovani cervelli italiani, non per niente, vive all’estero. Per finire, una richiesta disperata a qualche pm per bene vivente tra le due Berlusconianissime Arcore e Corleone (da cui la nuova capitale italiana di Arco..r..leone), che di certo, ancora ci sara’, per quanto il ma..f..ascista Silvio Berlusconi stesso, sta’ cercando di distruggere la categoria di qs tipo di pm, ossia, quelli anti lui. E completamente. Magari per sostuirla con altri, che, come Silvio Berlusconi stesso, sempre ama definire, sian a lui “fedelissimi”, e quindi, ricordanti non poco, quelli dei “tribunali speciali” di Benito Mussolini. Specie alla luce del fatto che ultimamente, tutte le inchieste, son stranamente sempre e solo imbarazzanti per il centro sinistra italiano ( e si che Berlusconi affonda le sue radici nelle assassinissime mafia e P2, altro che solo le raccomandazioni di Cristiano Di Pietro). Ecco, comunque, la nostra richiesta disperata: “fateci sentire un po’ di telefonate di Silvio Berlusconi, specie quella full of eros con la prostituta nazifasciocamorrachic Mara Carfagna”. Silvio Berlusconi ha detto in settimana che in caso di qualche sua telefonata resa pubblica, lascera’ l’Italia scappando ( alla Bettino Bottino, praticamente; cognome non citato per rispetto verso chi non e’ piu’ in vita; che io ho, a differenza dei gia’ citati massonazifascisti Berlusxuxluxklones). Sappiamo tutti che Silvio Berlusconi e’ un falso viscido putrido vilissimo e sta’, come suo solito, super stra mentendo, ma se voi pubblicaste qualche sua telefonata, potremmo definirlo per l’ ennesima volta, codardo e bugiardo, se, come di certo avverrebbe, egli non partirebbe, o potremmo darci alla pazza gioia, in caso egli smammerebbe per davvero.
Due posts ora, qui riguardanti l’eroe anti ma..f..ascisti Berlusxuxluxklones, il, praticamente, sempre alla perfezione “profetante”, Nista Michele. Uno scritto su di lui, e uno da lui. Il 2009 sara’ l’inizio della riscossa, smantelliamo la puzzona nazifasciocamorraGomorra Berlusconiana, all’attaccooooo, sveglia, moscioni del Pd, svegliaaaaaaaaaaaaaa, Veltrusconeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeees.
///////////////////////////////////////////// //////////////////////////////////
Post dedicato a lui, tra l’altro da una persona di assoluto centrodestra, per quanto di tipo ripettabile, mister Paolo Barrai.
IL FIUTO DI UN AMICO

Qualche anno fa a Milano la borsa chiudeva poco dopo pranzo. Nel pomeriggio se un operatore istituzionale cercava titoli italiani sapeva dove andare…
Telefonava a Michele Nista.
Michele era un vero broker, altro che macchina telematica. E riusciva anche a trovare prezzi migliori della macchina stessa facendo felice sia il venditore che il compratore.
Anche con la chiusura dei mercati alle 17.30 Michele è sempre riuscito a trovare l’introvabile.
Non esisteva la “missione impossibile”.
Un milione di generali? Bastavano pochi minuti e venivano trovate al giusto prezzo.
Poi Michele si è allontanato dal mercato, ma a Novembre l’ho incontrato dopo tanto tempo.
Abbiamo bevuto un caffè e abbiamo parlato del mercato…
Caro Michele, farai anche altre cose ora ma il fiuto, quello no…non ti manca.
Michele, non sarà forse un macroeconomista ne uno studioso di bilanci ma ha una particolare dote…il senso degli affari.
Pochi come lui si muovono nel mercato con la stessa spavalderia.
Anche a Novembre non si è sbagliato…mentre i molti urlavano al rally di Natale e il Dow Jones era intorno ai 14.000 il mio caro amico Michele mi ha guardato fisso negli occhi e mi ha detto “Ehi dottor….il Dow arriverà a 11.800 fra poco”
Caro Michele sei stato bravo, anzi bravissimo…

Ah dimenticavo di dirvi che la scorsa settimana ho incontrato Michele, questa volta non abbiamo preso un caffè…ma siamo passati a un pranzo 8anche se frugale)
Sapete cosa mi ha confidato guardandomi ancora una volta negli occhi? “ehi Doctor fra poco il dow Jones arriva a 10.800”

Sapete che vi dico…che se fossi Bernanke comincerei a preoccuparmi seriament, L’INIEZIONE DI DROGA DETTATA DAL TAGLIO DEI TASSI NON E’ CHE UN ESTREMO TENTATIVO DI SALVARE UN MODELLO ECONOMICO ALLO SFASCIO.

Vai Michele, continua cosi’!!!
///////////////////////////////////////////// //////////////////
Uno degli ultimi post scritti dal condottiero anti mafascisti Berlusconicchi, Michele “Michael” Nista. Dedicato a qs, che per l’intero pianeta Terra, DOVRA’ ESSERE, L’INIZIO DELLA RISCOSSA: il 2009.
///////////////////////////////////////////////////////////////////
MICHELE NISTA (ZIOMICHELE): 2009 INIZIO DELLA RISCOSSA? SENTO CHE LO POTREBBE ESSERE!!!

Vedendo, tra gli ultimi posts del 2008, di essere stato citato sia in un post di Paolo Barrai, come cosi’ tra i commenti di ” Auguri”, ho voluto, come mio solito, di getto, scrivere un mio commentone, e ora, come d’accordo con doctor Paolo “Pabluzzo Pabluzzino” Barrai stesso, vorrei prendere lo stesso commento, e ( come andava di moda dire a fine anni 80, allorche’ ero uno sbarbatello dj di varie discoteche, prima lombarde, poi del nord e centro Italia e alla fine anche di qualche altro paese europeo, per lo piu’ Inghilterra e Svizzera) “rimixarlo”. Ecco quindi, il remix di quel mio commento, che, di nuovo, intitolerei: “2009: potenzialmente, l’inizio della riscossa”.
—————————————————————————————— ————————————————————————–
Per la prima volta, da settembre 2007 ( allorche’ iniziai a similcollaborare, su base meramente amichevole, con qs sito) a ora, son costretto a dissentire da doctor Paolo “Pabluzzo” B.rrai. Cosa che mi sembra normalissima, comunque, sia perche’ sul pianeta Terra, su sei miliardi di persone, non ve ne sono due ( milioni di gemelli compresissimi), che due, che vedano tutto nella stessa maniera, sempre, sia perche’, per lo meno io, amo visceralmente il significato della parola D E M O C R A Z I A.

Dissento in pieno, e per davvero, con Paolo, quando dice che egli erro’ a scrivere di comprare, sui mercati azionarii, il 10.10.08. Dissento enormemente, mostruosamente, su cio’, primo, perche’ quel 10.10.08, spinsi io a fargli scrivere questo, quindi, prendetevela pure interamente con me, e per nulla con con lui.

Secondo, perche’ da quel 10.10.08, come qsiasi grafico puo’ dimostrare, il Dow, risali’ circa del 25 per cento, ripeto V E N T I C I N Q U E P E R C E N T O!!!! E che altro mai vorreste, doctors? Da 7600 circa, a quasi 10.000! Non capisco davvero, che cosa vorreste mai di piu’, duturun, di Arcore, Corleone, o Arco..r..leone stessa? Che uno si debba vergognare di aver azzeccato in pieno il pelo e il contropelo mi sembra davvero super stra incredibile! Autodistruttivo al massimo. Ridicolo, comico, sorry, ma da comica di basso livello, pure.

Si e’ mai visto, infatti, una persona che dopo aver fatto fare il 40 pc ( se non molto piu’) di performance al ribasso dal 9.07 al 10.08, annunciando un calo del Dow ( nel 9.07!!!!!!!!!!!!!!) da 13.500 fino a un qsiasi livello sotto l’8000, prima delle, prossime a venir, elezioni Us, poi, il giorno che detto famoso buco del 8000 si avvera ( 10.10.08), vi scrive pure ( e alle ore 13, ossia ben prima che gli Usa aprissero): ” oggi il cerchio si chiudera’ ( e il Dow, il 9.10.08, valeva 8.500 circa; quindi, per nulla facile, anche solo profetizzare un ulteriore ribasso del 6 su base giornaliera), la bucata del livello 8.000 ora si effettuera’, quindi ricopritevi e andate lunghi”, come feci io? Io dissi a Paolo che il Dow sarebbe andato sotto l’8000 prima delle elezioni Us dell’autunno 2008, nel settembre 2007, mentre lo stesso valeva quasi 14000. Io dissi a Paolo, il 10.10.08, , ma alle ore 13, ben prima dell’apertura di Wall Street, che il calo del Dow si sarebbe trasformato in grosso rialzo, per lo meno da quei livelli, e il tutto si e’ avverato in entrambi i casi, dando a chi tutto cio’ ha effettuato, una performance del quasi cento per cento, in soli tredici mesi, a fronte di una negativa, del Dow stesso, del 35. E il tutto e’ stato scritto e firmato dal sottoscritto, Michele Nista, prima del suo verificarsi. Il tutto e’ tutt’ora controllabile sul web, no games per quaquaraqua codardi, genii solo “col senno del poi”, here. Io e Paolo Barrai, abbiam messo la testa sotto la ghigliottina, e abbiam vinto. I massoni di dx, che come al solito, ora stan venendo a cercare di delegittimare me e qs sito, su ordine di qualche loro pappone di Loggia, o di qualche altro loro corrotto Rotariano o dei Lions clubs, fascistissimo, per quel che mi riguarda, son solo pagliacci quaquaraqua miserabili.
Questi son fatti, eventi avvenuti, e non balle “Berlusconicchie” e tali, quindi, son destinati a rimanere.

Dissento, conseguentemente, anche con un’ altra cosa scritta qui sopra: dal 9.07, allorche’ volli, per mera passione mista a divertimento, gratuitamente, anzi gratuitamente e a spese mie, dare una mano a qs sito ( che nel frattempo e’ passato da 130 lettori quotidiani a quasi 8.000: nota bene; quindi, anche qui, come accaduto prima presso diversi agenti di cambi e in varie sim, negli anni 90, la ” non diplomatica ma incisiva”, come dice sempre P.aolo Barrai, la ” verace cura di Michele “Michael” Nista”, dei frutti moltiplicanti, parrebbe che li ha stra dati; ovviamente, io feci solo da vitamina, avendo scrtto qui solo l’uno per cento, o meno, del totale dei posts; il resto lo ha fatto tutto il duturun Paolo B.rrai stesso; ma talvolta, quel uno per cento o meno, puo’ diventare come il seme della senapa: ” piu’ piccolo di tutti, ma il cui albero…”), a oggi, qs sito stesso, la ha avuto la palla di cristallo ed eccome.

Non lo dico tanto io, molto probabilmente ultimo degli ultimi, ma i fatti!!! Gli eventi. Che potran infastidire a morte qualcuno appena sopracitato ( proprio perche’ fatti e non parole): i Berluscones, ma che tali rimangono!!!! Qs sito prevedette ( sempre meglio non dimenticarselo mai, per quel che mi riguarda) il ribasso del Dow fino a 8000 e oltre, prima delle a venire elezioni Us, nel settembre 2007, ripeto, 2 0 0 7, e cio’ mentre il Dow stesso valeva quasi 13.700 ( post “e se crollasse fino a 8.000”?: del 9.07; da me ispirato e spinto alla pubblicazione), la fine del ribasso e inizio del rialzo, il 10.10.08, che vi e’ stata, e stra stata, dando altre palate di quattrini a chi in tutto cio’ ha creduto; “similpalate” quantificabili in un ulteriore 25 per cento di perfomance ( il Dow e’ di nuovo ridisceso dopo qs reazione; vero; ma io scrissi che sarebbe salito da li, dai livelli di quel 10.10.08, e non da li e per sempre!!!!! e infatti e’ risalito quasi di un quarto del cento per cento e in soli pochissimi giorni, da li, che volete di piu’, duturun? e comunque, vale ancora 8.500 il Dow Jones stesso, anzi, 8.800 quasi, e non 3200; e fin’ora, 8.000, si e’ dimostrata, piu’ o meno, come preannunciai 16 mesi prima, forte base, per il Dow stesso; uno che mi contrasta ovunque, per ordini “Berlusconia..n..eopiduisti” scrisse qui, per, come suo solito, invano, cercare di delegittimarmi, che il Dow, per l’ ultimo Natale appena passato, sarebbe valso 5.000 e a seguito di vittoria di Obama stesso; io dissentii in stra pieno e riscrissi di un Dow a 8.500; per l’ennesima volta, chi ha perso e’ stato lui). Scrissi poi di dollaro in forte recupero ( non per sempre!!! in momentaneo forte recupero) e tutto cio’ si e’ ri stra avverato. Di mercato con molti up and down, ma sempre aggirantesi attorno a un livello media di 8.000/8.500, sempre a livello di Dow Jones e il tutto si e’ ri ri ri stra avverato.

Vado avanti per la mia strada, dritto come un siluro. Per me il mercato vuole vedere le azioni ” non finanziarie” di Obama Barack!!! Prima cosa vuole vedere i repubblicani via dalla White House ( che han conquistato e mantenuto il potere, attraverso due megafrodi a Miami nel 2000 e in Ohio, nel 2004, never forget!; omaggi pero’ a John Mac Cain: per me, un uomo onesto, per bene!!!!) completamente, e poi, le azioni “non di Wall Street” di Obama Barack Hussein. Attende quindi, in pieno, la sua entrata in scena del 20 gennaio 09!!!!!!! Attende di vedere ” in soldoni”, quale sara’ la qualita’ del suo ” delivering”!!!! Far notare codesta qualita’ ( immagino io) prendera’ qualche mesetto.

Si arrivera’ quindi all’alzata delle rondini della primavera 2009 ( allorche’ forse dovrei tornare in Italia; funny coincidence; a meno che…). Se Obama Barack si rivelera’ un bluff, si potra’ allora anche scendere a 5.500 a livello di Dow. Io, pero’, in Obama Barack credo ( per quanto, parrebbe che a Gerusalemme, stian pianficando al momento, di renderlo una copia “piu’ esotica” di Bushino, di Bush junior; spero che egli mai finisca per cadere in qs trappola orribile e che davvero mantenga il suo meraviglioso proposito pre elettorale che ha visto tre quarti del Pianeta Terra, felicissimo e con le lacrime agli occhi, me compresissimo, se non in primis, festeggiare la sua vittoria: “quello di buttare giu tutti i muri odiosissimi, politici e Spirituali, che affliggono al momento il Pianeta Terra!!!!!!), e penso che se lo stesso, si dimostrera’ davvero un nuovo JF Kennedy misto a Martin Luther King, il Dow, nel 2009, salira’, non poco e cosi’ accadra’ negli anni a seguire.

Scrissi che al piu’ tardi ( quindi forse anche parecchio prima), per la fine della legislatura prossima statunitense, il Dow risalira’, per lo meno fino a 14.000 e lo ripeto. Vi sono solo due cose che potranno bloccare, se non invertire, tutto cio’, una, per me, purtroppo, “orribilissimamente”, potenzialmente probabile, e un’ altra, per fortuna, sempre per me, non cosi’ probabile. La probabile e’ che entro i prossimi due anni Obama Barack possa venire ucciso.

Cosa da evitare, non far concretizzare a tutti i costi, ripeto, a tutti i costi, ma che potrebbe ( inutile fare gli struzzi o i nati oggi, anzi, domani), anche verificarsi. E’ un grandissimo uomo, potenzialmente, per me, Obama Barack Hussein: un tipo Spirituale, con forte anima, speciale per davvero e non falsamente, come Bush jr o Berlusconi. Per me, egli vuole davvero cambiare in parecchio meglio, i screditatissimi Usa “Bushones/bullsh.tones” attuali ( in mia opinione, i peggiori Usa di tutti i tempi, per lo meno a livello di senso democratico). Vuole che anche i senza tetto, gli ultimi degli ultimi degli Stati Uniti, possano venire curati negli Ospedali ( thanks good great God), e qs, a tantissimi avidi assicuratori non piacera’. PER NULLA!!! Tantomeno ai piu’ egoisti, di estrema destra, disumani, spietati e neoXuxluxklanisti tipi di abitanti che vivono tra Los Angeles e New York. Come cosi’ ai loro vari complici in giro per il mondo. Da costoro, da qs tipo di gangs “fig.ettone”, magari in connessione coi loro amici, anzi “fratelli” e finanziatori, i cosidetti “mafiosi” ( esatto come fu per i due padri putativi di Obama Barack: JF Kennedy e Martin Luther King), potenziali attentati assassini contro Obama Barack potran venire tramati ed eccome, e spero, super stra davvero, con tutto il cuore, che gli stessi, verranno sempre prevenuti e/o sventati.

Altro potenziale rischio che tutto cio’, ossia un forte rialzo a medio termine dei listini azionari mondiali, trainati dal Dow Jones, possa non avvenire, all’interno dei prossimi 4 anni, viene dal fatto che Obama Barack si dimostri un Silvio Berlusconi di colore, ossia, un vacuo venditore, un attoricchio, uno effervescente nel dire balle in campagna elettorale, ma poi, interessato solo alle cose di “Cosa sua”. Parliamoci chiaro: che si riveli un “Silvio Berlusconi abbronzato e non tappetto”, insomma. Penso che i rischi, da qs punto di vista, stiano a sotto zero. Obama Barack non e’ un Toto’ brianzolo che vende la Fontana di Trevi a italo americani, come lo super stra e’, per me, Silvio Berlusconi!!!! Secondo me, se non uccideranno Obama Barack, e, specialmente, se lo stesso effettuera’ ” ottimo delivering”, il Dow tornera’ a 14.000, prima, se non ben prima, della prossima battaglia per le presidenziali Usa del 2012.

Molto, ma molto meno ottimista son per l’Italia neofeudale e neomedioevale Berlusconiana ( non tanto, per forza, perche’ di dx; pur essendo io di centro sin da sempre; ma tantissimo perche’ ITALIA NEOFEUDALE, NEOMEDIOEVALE, NEOMONARCHICA E NEOPIDUISTISSIMA). Speriamo che Umberto Bossi ( per quanto sia mai stato leghista io, ma, sempre e solo, demoCristiano di centro sin) sventi i piani “moderatoeversivi”, anzi, “eversivomoderati”, anzi “eversivi” e basta, di Silvio Berlusconi, ma sono in qs pessimista. Per quanto ho non poca piu’ stima di Bossi che di Berlusconi ( non fosse altro per quando rimase coi tubi da tutte le parti, in fin di vita, per mesi, allorche’ gli volli mandargli degli auguri, privissimi di piaggeria, ma pienissimi di senso di spontaneita’ e umanita’, qui, dall’ estero; da figlio di meridionali, quindi, molto probabilmente, antipaticissimo alla gran parte dei Leghisti, ma pur sempre con alma y corazon), penso in pieno che i due prendano in giro l’ opposizione. Facciano un teatrino buono solo per i boccaloni. I ciula, come direbbero in via Bellerio a “Milan”. A volte, l’ opposizione, la umilia Bossi, parlando di milioni di baionette pronte qua e la, e Berlusconi si finge paciere. Come a volte, succede il contrario, con Bossi, che vuole tranquillizzare i ” pero’ gia’ super stra tranquilli, se non addiritura addormentatissimi” del Pd ( purtroppo infiltratissimo da tante spie Berlusconiane prezzolatissime, “disarticolanti in a Pio Pompa way”, e’ ora di dircela e tutta!!!), dicendo loro: ” non vi preoccupate, parlero’ io con voi ( “parlero”‘, ovviamente, per capire che razza di carte inutili possiate avere in mano, e non certo per altro)”. Poi, il lunedi, Bossi e Berlusconi si pappano il caviale, si trincano lo champagne, magari vicini a un paio aspiranti porno star ad Arcore, e si spanzano dalle risate dicendosi: ” wee, che ciula i Veltruscones, come abboccano, ormai, grazie alle nostre tv sciacquacervelli a raffica, abbiamo l’Italia in mano come minimo per 25 anni”. Siccome lo penso anch’ io che con la sbrandellatissima, divisissima ( ad Berlusconianum hoc) e non poco moscia opposizione attuale, l’ Italia rischia di diventare una viscidissima Berlusconia per i prossimi vent’ anni e passa ( e che Berlusconi vadi a copiare Enrico Cuccia, ossia che riuscira’ a dittaturare finche’ non avra’ 99 anni e oltre), da qui, il mio essere pessimista sull’ Italia, sorry, su Berlusconia stessa.

Anche se qs non vorra’, forse, dire default, penso comunque che il tutto potrebbe finire per volere dire precipizio dietro un mare di nazioni, da sempre dietro di noi, nelle classifiche che trattano gli indici economici, come cosi’ quelli di competitivita’, di qualita’ della democrazia, della liberta’ dell’informazione, del livello di criminalita’, della trasparenza, ect ect. Penso che l’ Italia neofeudale, neomedioevale, neomonarchica, neopiduistissima attuale, non ingiustamente, sconti momenti durante i quali il divario tra il suo btp e il bund si divarica. Un’ Italia, piu’ o meno gemella del Cile di Augusto Pinochet, come penso, sempre piu’, andremo ad avere con Silvio Berlusconi, “in goppa” a essa, per decenni, penso, che dopo un po’ di tempo, non ingiustamente, potrebbe anche finire fuori dall’ area euro.

E, diciamocela tutta, se lo meriterebbe, alla fin fine, pure. Forse voglio il male del mio paese nativo e non piu’ di residenza? Affatto, le mie vogliono essere “stimolate” atte a non precipitare cosi’ in basso, e quindi l’ opposto di auspici!!!!! E se dei sordi desiderano, con me, essere tali, perche’ non volenti sentire apposta, che vadano pure a……

Amo e odio il mio paese, come un qcosa, infatti, a cui ci si tiene non poco: se no, non lo seguirei con visceralita’ tutti i giorni. Il vero punto e’ che la Francia, come cosi’ il Brasile, gli Usa, son si repubbliche presidenziali, ma con fior fior di INELUDIBILI CONTRAPPESI. INELUDIBILI, PERO’ !!!!!!!!!!!!!!!!! E se un giorno Nikolas Sarkozy volesse comprarsi 3 tra le prime sei reti televisive francesi, coi soldi di Vincent Bollore’, del Gof francese, se non di “aggressivoni” marsigliesi che fan bum bum ( come pare Silvio Berlusconi assolutamente fece in Italia, via parimenti “agressivoni” siculi), e allo stesso tempo, volesse anche avere fermissimo controllo su quel che dicono le altre prime tre, lo manderebbero subito in qche ex colonia “gallica” dell’Oceano Pacifico, Africa o Sudamerica. In Italia, anzi, in Berlusconia, invece……
Per finire, chiariamo che io mai scrissi di rallies natalizii, o fui dietro a posts che scrissero di cio’. Ho scritto e continuo a scrivere di rallies “Obamiani”, “Obamoni”, e l’era Obama inziera’ il 20.1.09, a Natale 08, gia’ super passato, quindi. La parte finale del 2008 e l’ inizio di questo 2009, in tutto questo che ho qui scritto, anzi “rimixato”, ben promette.

LAVATA DEL PARCO BUOI

Ma non correrei dietro questi ultimi rallies. Penso che altre “lavate” potranno ancora arrivare ( anche se non piu’ “meno sei, meno sei, meno cinque”, per tre gg consecutivi, come abbiamo visto anche solo poche settimane fa), ma su qs “ultimi ribassi”, su ” qs saldi”, con visione di medio termine, comprerei. Forse, coi primi soli, ” i prezzi potrebbero inziare a rincarare” e magari anche non di pochissimo.

Auguri sentiti di ottimo 2009 come cosi’ di Epifania, a tutti, in primis, anche per quel che mi riguarda, alla nonna di Paolo B, non ben sententesi al momento, e che forse, ebbi la vera, affatto ipocrita, fortuna di conoscere, nella sua, davvero non da tutti, gentilezza, come cosi’, nel suo senso di umanita’, durante un pranzo, a cui ebbi il gran piacere di venir invitato, nel Febbraio scorso, a casa Barrai. Auguri poi di cuore a tutti, Berluskones, anzi, Berlusxuxluxklones compresi, io, a vs differenza, son per prima cosa democratico, e poi, in caso di leaders come Obama Barack, Joe Biden, Alcide De Gasperi e Aldo Moro, “democrat” as well. Il 2009, potenzialmente, potrebbe essere l’ inizio della riscossa, tutti uniti intorno ad Obama Barack, tutti ( magari tutti, tranne Silvio Berlusconi, che piu’ che dietro ” ai fatti suoi e agli amici degli amici, anzi “ai fratelli dei fratelli” suoi, non sa’ stare), your reader from abroad, Michele, “Michael” Nista.
Pubblicato da consulenza finanziaria di Mercato Libero a sabato, gennaio 03, 2009 38 commenti

Post scritto da International Network “Salviamo l’Italia dalla mafia nazifascista di Silvio Berlusconi” con aderenti in 80 paesi di tutto il mondo, e in tutti e cinque i continenti. Io sono un italoargentino, Franco. E, specie su Berlusxuxluxkloni, soy franco, de stra verdad.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: