Facciamo un gioco? giochiamo alla guerra – 2

11 03 2008

Seconda parte: vi invitiamo a leggere e confrontare due brevi riassunti dei fatti di questi giorni; ci riferiamo in particolare alla settimana di crisi diplomatica, dell’evoluzione delle ultimissime ore parleremo in un prossimo post, ahimè, ancora in preparazione.

Le due strisce, così paradossalmente lontane l’una dall’altra, narrano gli stessi identici fatti letti attraverso i media ed il rapido processo di produzione-consumo della “notizia”. Sembra difficile credere che si riferiscano ad uno stesso accadimento, non è che un primo esempio di come sia possibile indirizzare, spostare, plagiare l’opinione pubblica attraverso il “sistema-informazione”. Ci ripetiamo, non stiamo assolutamente dicendo “la verità sta nel mezzo”…ma questo l’abbiamo già scritto.

_Riassumendo: Chavez avrebbe finanziato con l’equivalente di 200 milioni di euro le Farc, lo proverebbero documenti trovati nel computer e nell’accampamento del loro secondo uomo, Raul Reyes, successore di Tirofijo (e marito della figlia), morto nel corso dell’operazione; la stessa sorte è toccata ad altri 16 terroristi.

L’operazione contro il Frente 48 è stata condotta con particolare attenzione a non violare lo spazio aereo dell’Ecuador , come ben spiegato dal ministro della difesa Colombiano Juan M. Santos. Uribe ha annuciato che denuncierà presto il presidente Venezuelano ed Ecuadoreño di complicità con le Farc, accogliendo con piacere il sostegno del presidente Usa.

_In altre parole: L’incursione illegittima dell’esercito Colombiano in territorio Ecuadoreño, di pochi giorni fa, ha seriamente compromesso il processo di mediazione per la liberazione dell’ex candidata presidente franco colombiana Ingrid Betancourt e di altri 12 ostaggi.

Raul Reyes, uomo di spicco della prima formazione guerrigliera d’America Latina, assassinato nel corso dell’operazione, stava lavorando in questi giorni ad un incontro con Sarkozy per la già citata mediazione ora seriamente compromessa…secondo membro del segretariado delle Farc, il suo corpo martoriato è stato ritrovato riverso nell’accampamento.

Il presidente dell’Ecuador Correa, dopo aver ritirato il proprio ambasciatore e messo alla porta quello Colombiano ha affermato che Uribe sarebbe un traditore e un costruttore d’infamie, l’operazione è stata concordata con l’uomo forte di Caracas; anche qui l’ambasciata del paese aggressore è stata temporaneamente chiusa, 10 battaglioni dei due stati stazionano oggi a difesa dei rispettivi confini con la Colombia, la tensione non accenna a diminuire, come fossimo assurdamente catapultati indietro nel tempo di 15 anni.

Continua… 


Azioni

Information

2 responses

11 03 2008
Annalisa Melandri

Grazie, sai perchè.

11 03 2008
diggita.it

Facciamo un gioco? giochiamo alla guerra – 2 « diario dalla colombia

Colombia, Venezuela, Ecuador…
Seconda parte: vi invitiamo a leggere e confrontare due brevi riassunti dei fatti di questi giorni; ci riferiamo in particolare alla settimana di crisi diplomatica, dell’evoluzione delle ultimissime ore parleremo in un…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: