Negli ultimi tre giorni…verità giustizia e riparazione

14 09 2007

Negli ultimi giorni oltre a perdere continuamente la connessione ad internet, abbiamo terminato l’infinita assemblea plenaria di Ipo e recuperato i nostri due inviati in regione (uno dei due piuttosto acciaccato a dire il vero, facciamo a turno ad ammalarci ma non è mai nulla di serio…esattamente come noi). Di pari passo l’archivio dei materiali recuperati e prodotti comincia a prendere forma e sostanza.

Tutto questo per dire che avevo promesso di pubblicare a breve un articolo sul taller regionale sui diritti umani di Tunja, e non l’ho ancora fatto, in compenso abbiamo quasi terminato la scrittura a quattro mani di un articolo di approfondimento sulla questione della coca, dopo quello su Potosì e sulle fumigazioni

Di seguito altri brandelli di appunti tradotti…

—————————————–

Verità:

storica, attraverso un lavoro di recupero della memoria storica

giudiziaria, attualmente quella figlia della ley “Justicia y Paz” (costruita sulle accuse mosse dai paramilitari, accuse di connivenza con la guerriglia anche in assenza di prove)

dello stato, fondata sulla cancellazione del passato allo scopo di ricostruire la storia, o sulla ricerca per la ricostruzione di quanto accaduto?

Giustizia:

I patti internazionali prevedono che lo stato si occupi di:

prevenire la violazione dei diritti umani

garantire la libertà alle organizzazioni politiche e sociali (comprese le forme di opposizione)

investigare e sanzionare i crimini di lesa umanità (fiscalia lo garantisce oggi, quale livello di impunità? affrontando casi singolarmente, non investigando, e attraverso pene alternative le sanzioni sono eluse…)

La Commissione Interamericana si occupa di sanzionare gli stati e non le persone, ha sede in Costa Rica e si occupa di garantire il diritto al giusto processo

Problema delle detenzioni massive, preventive ed arbitrarie in aggiunta all’omissione delle cifre sui crimini, mentre il rispetto della legalità prevede la necessità di indizi e di un ordine di cattura o il rilascio in 32 ore…altrimenti vale il principio dell’habeas corpus

Esempio dei 33 uomini detenuti 4 mesi quando ne erano stati arrestati 32 e il capitano ne voleva un altro ancora, e i mass media negano mantenndo basso il livello di scandalo della popolazione civile

Riparazione:

materiale, quindi economica

morale

recupero dello stato di cose antecedente l’accaduto

memoria e restituzione della dignità alle vittime


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: